I Disturbi del comportamento alimentare

  • Home
  • I Disturbi del comportamento alimentare
I Disturbi del comportamento alimentare Roma

Il rapporto col cibo è il centro permanete intorno a cui ruota la vita delle persone con disturbi alimentari, condizionandola costantemente ed inficiando il benessere individuale e delle persone vicine.

I disturbi dell’alimentazione comprendono le disfunzioni del comportamento alimentare e/o i comportamenti finalizzati al controllo del peso corporeo.

Tali comportamenti danneggiano in modo significativo la salute fisica e il funzionamento psicologico e non sono secondari a nessuna condizione medica o psichiatrica conosciuta.

Nella classificazione dei disturbi alimentari rientrano: l’anoressia nervosa, la bulimia nervosa e i disturbi da alimentazione incontrollata.

Il cibo, sin dall’inizio dell’umanità, ha un forte valore simbolico, affettivo ed emozionale. In tutte le società umane il cibo non è mai trattato solo razionalmente rispetto agli aspetti biologici-nutritivi, disponibilità ed economicità.

Ogni cultura e nazione poi ha le sue abitudini e tradizioni alimentari nella quale convergono ideologie, credenze religiose, disponibilità del territorio, clima e altro ancora.

Ogni famiglia e ogni ambiente sociale ha poi le proprie abitudini familiari in relazione alla qualità, quantità e modalità di consumo del cibo.

Le prime esperienze di vita in relazione all’alimentazione hanno effetti profondi e duraturi su ognuno di noi, sia sulle caratteristiche mentali ed emotive, ma anche sulle caratteristiche anatomiche, fisiologiche e metaboliche dell’adulto.

Fin dalla vita prenatale (alimentazione feto-placenta) e neonatale (allattamento-svezzamento) il cibo è collegato all’esperienza e alla comunicazione con se stessi e con l’altro.

Il comportamento alimentare è soggetto ad alcuni disturbi, in parte inquadrati in maniera precisa, come l’anoressia, la bulimia e l’obesità, in parte ancora poco conosciuti e descritti.

Nei disturbi alimentari non si riscontra tanto la scarsa volontà o motivazione a seguire delle diete appropriate, ma piuttosto l’incontrollabilità del comportamento di ricerca o evitamento del cibo.

Esperienze precoci difficili possono aver generato l’incapacità di riconoscere le sensazioni di fame e sazietà, confondendole con altre tensioni emotive suscitate dai più svariati conflitti e problemi. Col passere del tempo questa difficoltà diviene incapacità di distinguere le sensazioni corporee.

I disturbi del comportamento alimentare possono essere un modo per esprimere la propria sofferenza interna.

Fare a meno del cibo nell’anoressia, ad esempio, può essere un modo per dimostrare autonomia e autosufficienza.

Nell’obesità il cibo potrebbe riempire e consolare da quelle sensazioni di difficoltà, di solitudine e di vuoto. Nella bulimia spesso ci si riempie continuamente per fronteggiare momenti di forte stress o in relazione a momenti di scompenso emotivo.


Dottoressa Francesca Zoppi
Psicologa Psicoterapeuta a Roma

La psicoterapia

Campi di intervento

  • Disturbi dell'area affettiva
  • Dipendenze affettive
  • Difficoltà relazionali
  • Disturbi dell'umore
  • Stress
  • Ansia
  • Attacchi di panico
  • Scarsa stima di sè
  • Disturbi del comportamento alimentare

Social

Seguimi su facebook

Dott.ssa Francesca Zoppi
Psicologa Psicoterapeuta a Roma

declino responsabilità | privacy policy | cookies policy | codice deontologico

Iscritta all’Albo degli Psicologi della Regione Lazio n. 17319 dal 20/10/2009
P.I. 11231881001

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2017 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà della Dott.ssa Francesca Zoppi
© 2017. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.
www.psicologi-italia.it